/Golden Goose Negozio Venezia

Golden Goose Negozio Venezia

Barnes J. D., Selverstone J., Sharp Z. D. I am a self confessed bibliophile. I live with my books, constantly making stacks of the ones I’m reading at the moment and displaying them with other furniture about the room. I only house three general stack areas: ARTS, SEAFARING EVERYTHING ELSE.

Il 20 aprile 2006 non deve essere stato un giorno come tutti gli altri per James Milne. In abbinamento di lancio con l Arabia Lil Chief e Honorary Bedouin fecero uscire in quella stessa data anche il primo e per ora unico album dei Reduction Agents, band capitanata da Milne con Ryan McPhun leader dei Ruby Suns negli improvvisati panni di batterista, oltre ad un paio di misconosciuti compari a completare l Evidentemente la scelta di sincronizzare al minuto la pubblicazione di questo doppio esordio fu voluta con forza dall intenzionato a sparare tutte le proprie cartucce nella speranza di fare centro in almeno una occasione. Di certo ha pagato: fino ad allora James si era limitato a suonare in un diversi dischi o EP dei Brunettes restando abbastanza nell specie come autore.

Il tratto comune di queste storie l lotta tra le forze che governano il nostro universo visibile e apparentemente duale. I protagonisti “buoni” sono infatti i rappresentanti dello schieramento di uomini e donne sensibili al bene, alla condivisione e alla verit che tentano da sempre di contrastare l schieramento, quello predatorio, dittatoriale ed egoista della casta degli squali che governano il mondo. A seconda della nostra personale lancetta che ci vedr appartenere al gruppo dei predatori o a quello delle prede, ci si potr alzare dalla poltrona del cinema con una certa dose di angoscia tutta da metabilizzare.

Pi che una saga vera e propria, un uno due micidiale, come un colpo di arti marziali ben assestato. A firmare questa autentica opera d’arte del genere dei film d’azione Quentin Tarantino, e chi altri? Il geniale regista di Pulp Fiction prima di cimentarsi con il genere western attraverso i recenti Django Unchained e The Hateful Eight ha fornito la sua personale e originale revisione delle pellicole action, frullando all’interno dei due variegati volumi che compongono Kill Bill molte idee e spunti differenti: dal rapporto allievo maestro alla Karate Kid che si instaura tra la protagonista Beatrix Kiddo, una combattiva Uma Thurman, e Pai Mei, passando per combattimenti talmente sanguinosi da dover essere mostrati in bianco e nero, concedendosi persino un capitolo anime, un’intera sequenza girata tutta all’interno di una bara e facendo attraversare tutta la vicenda raccontata dal tema della vendetta. Difficile chiedere di pi a un film solo, e infatti Tarantino ha dovuto dividerlo in due parti..