/Golden Goose Alte Nere

Golden Goose Alte Nere

Solare e cristallina, credente e praticante cattolica, Adriana Francesca Lima nasce nel clima tropicale di San Salvador de Bahia, città di stile architettonico europeo, il 12 Giugno1981. Conosce quattro lingue: portoghese, spagnolo, italiano e inglese. La sua carriera inizia per caso, e nel 1996 vince a solo 15 anni il concorso per modelle dell’agenzia Ford Brasile, mentre in soli 10 anni, nel 2006, ottiene il 5 piazzamento nelle classifiche Forbes con un capitale di 4 mln US$, attualmente stimato in oltre 35 mln US$, raggiunti grazie alle sfilate con le più prestigiose case di moda.

Pearson, Althea Growing Through Loss and Grief (1994)Add the lemon zest and juice, crushed garlic and chopped parsley. Times, Sunday Times (2015)Aren’t you crushed by the crowd? Times, Sunday Times (2008)Add dash of cranberry juice, then crush berries into a paste. The Sun (2009)Where passengers had stood crushed against one another in the crowded train, there was empty space.

In questo senso non si può non citare lo sceneggiatore William Monahan che ha ripreso lo spunto di un thriller del 2002, Infernal Affairs, ambientato a Hong Kong. Monaham riesce a inserire la voce fuori campo, tanto cara al regista, con le giuste misure, come azione viva e non frenante. E poi gli attori: con una citazione in parti di contorno ma decisive per Alec Baldwin e Martin Sheen, i migliori se stessi, dunque efficaci.

Non fosse abbastanza, è stato un anno più che tremendo per la scomparsa di alcuni giganti della canzone, David Bowie, Leonard Cohen e Prince, con i primi due a vincere se non altro una disperata lotta contro il tempo per lasciare agli appassionati i rispettivi album testamento un attimo prima che diventassero effettivamente postumi. Sull piatto della bilancia, il Nobel per la letteratura attribuito a Bob Dylan, un riconoscimento che, piaccia o meno, rilancia le azioni di ununiverso culturaleda sempre guardato con snobismo alla stregua di un volgare intrattenimento da due soldi. In cima ho voluto premiare (nostalgicamente magari) una Emma Pollock che ha regalato un disco in linea con quelli che scriveva quando era alla guida dei Delgados.

Risposta n.5: “siamo diventati tutti individualisti”: qui si vuol dire che l’ideologia neoliberista è penetrata talmente in profondità che ormai tutti ci comportiamo come l’homo oeconomicus dei libri, calcoliamo freddamente i nostri interessi materiali e non ci facciamo smuovere dalle ideologie. L’obiezione però è semplice: proprio dal punto di vista del freddo interesse materiale appare evidente la necessità della rivolta collettiva. evidente infatti, come diciamo da tempo in questo blog, che il progetto dei ceti dirigenti italiani e internazionali è la distruzione di diritti e redditi dei ceti subalterni, ed è pure evidente che il singolo individuo può ben poco.